www.altrabrindisi.it 


Main menu: HomeArchivioElezioni | Multimedia

altrabrindisi_home

Emergenza Edipower: dal carbone alle rinnovabili. 16/12/2014

Le contraddizioni di un modello di sviluppo, basato sui grandi impianti di produzione di energia e della chimica di base, sono negli ultimi anni esplose nella loro piena evidenza. L’emergenza ambientale, certificata dall’enorme quantità di sostanze inquinanti rilasciate ogni anno in aria, acqua e suolo e dall’inserimento di gran parte del nostro territorio nei siti di interesse nazionale da bonificare, si accompagna alla ormai conclamata emergenza sanitaria.

Un’emergenza sanitaria che si accompagna con un emergenza sociale. Sono quasi ventimila i disoccupati a Brindisi, una città incapace di ripensare il proprio modello di sviluppo, che vede il Porto, ormai servitù industriale, in eterna crisi, mentre Turismo ed Agricoltura due vocazioni del territorio non decollano.
In questo quadro i grandi interessi economici cercano di aprire una nuova stagione di industrializzazione altamente impattante : dopo la stagione della Chimica e dell’Energia con il carbone si programma la stagione dei Rifiuti.
      leggi tutto
Emergenza_Edipower_16-12-2014


Petrolchimico di Brindisi

 

Brindisi Bene Comune chiede un indagine epidemiologica

Brindisi Bene Comune, lo spazio aperto, animato da movimenti, associazioni e singoli cittadini, chiede alle principali autorità politiche e sanitarie che si avvii rapidamente una indagine epidemiologica per stabilire se esiste una correlazione tra i mille veleni emessi, in aria, acqua e suolo, dal gigantesco polo chimico – energetico che da anni è attivo nel nostro territorio e gli inquietanti dati sanitari che emergono da studi parziali condotti a Brindisi.
In particolare l’ultimo studio effettuato desta particolare preoccupazione perché ha riguardato i neonati, i nostri figli, il nostro futuro, evidenziando un eccesso di malformazioni congenite, in particolari cardiache oltre il 60% rispetto ai livelli europei.
Chiediamo che si accertino le responsabilità e per far ciò avviamo a sostegno della nostra richiesta una raccolta di firme.
leggi tutto